Gara - ID 5895

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante Comune di Monte San Biagio
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
MONTE SAN BIAGIO – Procedura aperta per l’affidamento del servizio di noleggio, installazione, manutenzione dispositivi elettronici per il rilevamento delle violazioni ai limiti massimi di velocità e passaggio con semaforo rosso (artt.142 e 146/3 del C.d.S.), fornitura di un software di gestione del ciclo sanzionatorio e dei servizi di gestione sussidiaria dei procedimenti sanzionatori previsti dal Codice della Strada, servizio di recupero extragiudiziale, supporto legale per l’eventuale contenzioso  - per un periodo di 5 anni.
CIG9030350091
CUP
Totale appalto€ 296.000,00
Data pubblicazione 22/12/2021 Termine richieste chiarimenti Giovedi - 20 Gennaio 2022 - 12:00
Scadenza presentazione offerteVenerdi - 28 Gennaio 2022 - 12:00 Apertura delle offerteVenerdi - 11 Febbraio 2022 - 15:00
Categorie merceologiche
  • 7231 - Servizi di trattamento dati
DescrizioneVEDI DOCUMENTI DI GARA
Struttura proponente COMUNE DI MONTE SAN BIAGIO
Responsabile del servizio MAURO PIMPINELLA Responsabile del procedimento PIMPINELLA MAURO
Allegati
Richiesta DGUE XML
File zip atti-di-gara - 4.10 MB
File pdf avviso-di-rettifica - 53.32 kB

Avvisi di gara

13/01/2022AVVISO DI RETTIFICA
Si comunica che le parole “non soggetto a ribasso” all’art. 4, punto 4, del Capitolato d’Appalto e all’art 3.2, punto 4, del Disciplinare di gara, trattasi di refuso; ovvero l’importo posto a base d’asta per la gestione integrata del conte...
13/01/2022Modifica date procedura Aperta: MONTE SAN BIAGIO – Procedura aperta per l’affidamento del servizio di noleggio, installazione, manutenzione dispositivi elettronici per il rilevamento delle violazioni ai limiti massimi di velocità e passaggio con sema
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggettoA seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornateTermine richieste chiarimenti20/01/2022 12:00Scadenza presentazione offerte28/01/2022 12:00Apertura delle offerte11/02/2022 ...

Chiarimenti

  1. 03/01/2022 19:38 - Quesito 1)
    All’art 3 del bando disciplinare ed all’art. 4 del capitolato speciale d’appalto viene riportato che:
    “L’appalto concernerà, fin dal suo inizio, di tutte le attività descritte dal presente capitolato. Le Ditte concorrenti accettano esplicitamente nell’offerta di gara questa possibilità e non potranno opporre riserve.
    I valori complessivi sopra indicati sono frutto di una analisi presunta del numero di sanzioni rilevabili ed accertabili nel periodo interessato. Tale aleatoria controprestazione a misura delle pratiche gestite viene accettata dall’appaltatore, in quanto la corresponsione del compenso previsto è strettamente correlata alla commissione umana delle infrazioni oggetto di controllo, e pertanto non stimabile con certezza. Pertanto, trattasi di appalto misto in cui è presente un costo fisso predeterminato (canone mensile e giornaliero per l’utilizzo dei sistemi) ed un importo a corpo per i servizi sussidiari all’accertamento calcolato per ogni infrazione gestita”.

    Alla luce di ciò, si chiede di confermare che l’aggiudicatario avrà diritto alla corresponsione per le prestazioni effettivamente erogate anche se complessivamente dovesse venire superato l’importo dell’affidamento stimato su un 10.000 infrazioni nel quinquennio.

    Quesito 2)
    Sia nel Bando disciplinare che nel capitolato sono riportate le prestazioni da fornire (che, in particolare nel capitolato, sono definite come “minime”) e tra queste sono ricomprese le caratteristiche tecniche dei dispositivi e sistemi di rilevamento richiesti.
    In particolare si richiede che i sistemi di rilevamento della velocità media siano approvati, dal Ministero delle Infrastrutture, per il funzionamento in modalità presidiata e/o automatica. Tale richiesta appare non coerente in quanto un sistema approvato solamente per il funzionamento in modalità non presidiata non consentirebbe l’utilizzo con possibilità di con testazione immediata.
    Per tale ragione si chiede di chiarire se l’uso di entrambe le congiunzioni “e/o” sia un refuso e se, quindi, sia richiesta l’approvazione sia per il funzionamento in modalità presidiata che per quella non presidiata.
    In tal caso, poiché i manuali depositati sono parte integrante del decreto di approvazione, si chiede di confermare se, qualora non sia chiaro, dalla lettura del solo decreto di approvazione, la tipologia di funzionamento approvata (rilevamento della velocità media in modalità presidiata e non presidiata), se questa debba in ogni caso risultare dal manuale depositato in sede di approvazione ministeriale.

    Rimanendo in attesa  di un Vostro cortese sollecito  riscontro, l’occasione ci è gradita per porgerLe
     


    RISPOSTA AL QUESITO N.1
    Si conferma che l’aggiudicatario avrà diritto alla corresponsione per le prestazioni effettivamente erogate anche se complessivamente dovesse venire superato l’importo stimato su 10.000 infrazioni nel quinquennio.

    RISPOSTA AL QUESITO N.2
    Si specifica che entrambi i requisiti dei sistemi di rilevamento della velocità, cioè media e puntuale, dovranno risultare dal decreto di approvazione e dal manuale d’uso del sistema proposto fermo restando la subordinazione al rilascio di autorizzazione o nulla osta da parte degli organi competenti. Dovranno essere inoltre soggetti alla verifica periodica così come previsto dalla vigente normativa.
    04/01/2022 16:02
  2. 07/01/2022 10:51 - Con la presente siamo a rappresentare quanto segue:
    1. Il servizio in appalto non comprende l’attività di riscossione coattiva delle sanzioni non oblate ma una mera attività di produzione di solleciti bonari da emettere nella fase stragiudiziale di recupero crediti, tra l’altro qualificata quale “prestazione secondaria”. Ciò posto non appare proporzionato all’oggetto ed all’esecuzione dell’appalto il requisito di iscrizione all’albo dei soggetti abilitati alla riscossione delle entrate degli Enti Locali previsto all’art. 7.1 lett. B) del disciplinare di gara. Pur ammettendo tale richiesta di requisito si evidenzia che all’art. 7.1 – Requisiti di Idoneità, è previsto che lo stesso debba essere posseduto da tutte le imprese partecipanti al raggruppamento. Ebbene tale previsione risulta essere illogicamente bloccante della più ampia partecipazione. Il raggruppamento temporaneo di imprese è infatti l’istituto mediante il quale un’impresa, che non dispone in misura sufficiente dei requisiti necessari per partecipare ad una determinata gara d’appalto, si associa ad altre imprese per incrementare i propri requisiti di qualificazione, in vista della partecipazione alla specifica gara. In tal modo il RTI consente anche alle imprese di piccole dimensioni la massima partecipazione alle procedure di gara e, nel contempo, garantisce alle Amministrazioni appaltanti la selezione della migliore offerta nei confronti di una platea più numerosa di concorrenti. SI evidenzia che nel caso di RTI verticale, le prestazioni secondarie –come appunto definita l’attività di sollecito bonario- possono essere eseguite dalle mandanti.In tal senso, di conseguenza, anche i requisiti di partecipazione dovranno seguire tale impostazione.

    Per quanto sopra si chiede alla SA :
    • In via principale, di specificare che si è trattato di  mero refuso e che, quindi, il requisito di iscrizione all’albo di cui all’art. 7.1 lett. B) del disciplinare non è necessario, considerato che l’attività richiesta consiste solo nell’invio dei solleciti di pagamento, e non nell’espletamento dell’attività di riscossione coattiva per la quale troverebbe invece fondamento la richiesta di iscrizione all’albo. Peraltro l’art. 7.4 del disciplinare (che “disciplina” il possesso dei requisiti in caso di partecipazione in RTI) non richiama e non fa riferimento alcuno al requisito di cui all’art. 7.1 lett. b);
    • In via subordinata, qualora il requisito di Iscrizione all’Albo non sia da considerarsi refuso, e qualora l’Ente ritenga debba essere posseduto, ferma ogni salvezza di ogni diritto e di impugnativa, in considerazione del fatto che l’attività di sollecito è qualificata come “prestazione secondaria”,  si chiede di specificare che tale requisito, in caso di RTI verticale, possa essere posseduto e dimostrato dall’impresa mandante che eseguirà la specifica attività.
     
    1. In stretta correlazione anche ai chiarimenti di cui sopra che saranno formulati, si chiede di confermare che in caso di RTI Verticale i requisiti di cui all’art. 7.3 lett. e) del disciplinare – relativo ai servizi analoghi- possa essere soddisfatto, secondo la specifica attività eseguita, dalla mandataria per le prestazioni principali e dalle mandanti per le prestazioni secondarie, per come definiti all’art. 3 del CSA;
     
    1. Conseguentemente chiede di confermare che, per il soddisfo del requisito tecnico-professionale di cui all’art. 7.3 lett. e) del Disciplinare, l’esecuzione dei servizi analoghi ivi indicati -distinti tra principali e secondarie- potranno essere posseduti e dimostrati dai soggetti che compongono l’RTI verticale secondo la specifica attività eseguita, ed essere stati erogati anche disgiuntamente a favore di diverse PA, fermo restando la misura minima prevista (2 PA) nel complesso;
     
    1. Con riguardo alla distinzione delle attività principali e secondarie di cui all’art. 3 del CSA (idem art. 3 disciplinare) si rileva una discordanza per quelle afferenti la locazione dei dispositivi di rilevazione della velocità (prima definite principali e poi, nell’esplosione di dettaglio, indicate quali secondarie);
     
    1. Sempre con riguardo ai requisiti di cui all’art. 7.3 del disciplinare si chiede di confermare che il triennio da considerarsi sia quello immediatamente antecedente la data di pubblicazione del bando.
     
    1. E’ pacifico al riguardo che il triennio da considerarsi per la verifica della sussistenza del requisito minimo stabilito dalla legge di gara ai fini della verifica della capacità tecnica sia quello effettivamente precedente la data di pubblicazione del bando e non già lo stesso periodo solare/esercizio finanziario dal 1° gennaio, invece rilevante per il diverso requisito della capacità economico-finanziaria (cfr., ex multis, Cons. St., Sez. III, 2.7.2015 n. 3285 e Cons. St., Sez. VI, 6.5.2014 n. 2306).
    Ciò in linea con quanto disposto dall’allegato XVII - parte II - lett.a) del D.lgs. 50/2016.
     
    1. Con riguardo all’omologazione per l’utilizzo in modalità presidiata e non presidiata di cui anche al chiarimento appena pubblicato appare utile fare chiarezza.
    La SA potrà certamente far riferimento a quanto confermato dal parere del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nr. 4328 del 10.06.2020, che definisce “pleonastiche” tali richieste di funzionalità, che ad ogni buon conto si allega alla presente.

    In conseguenza dei chiarimenti che si andranno a formulare si inviata la SA ad applicare le misure previste dall’art. 79, comma 3 lett. B), D.lgs. 50/2016, disponendo la pubblicazione di apposita nota di rettifica e prorogando i termini di ricezione delle offerte.
                                                                                                                                                                
    In attesa di riscontro, si porgono cordiali saluti.
     


    In riscontro alla  richiesta di chiarimenti pervenuta si rappresenta quanto segue:
    • si conferma che relativamente al requisito di cui all’art. 7.1 lett b), trattasi di refuso;
    • si conferma, che i requisiti tecnico-professionale dei soggetti che compongono le RTI (mandanti e mandatari), dovranno essere posseduti per le specifiche attività che eventualmente andranno ad eseguire;
    • si conferma che il triennio da considerarsi è quello immediatamente antecedente la data di pubblicazione del bando.
    Si prende atto della discordanza di cui alla lett. g) dell’art. 3, sub 3.1 e si chiarisce che trattasi di prestazione secondaria.
    Si conferma quanto già chiarito in precedenza e il funzionamento deve essere espresso nel manuale d’uso e nel decreto di approvazione ovvero quanto disposto dalle vigenti normative in materia, tenuto conto della subordinazione al rilascio di autorizzazione o nulla osta da parte degli organi competenti. Dovranno essere inoltre soggetti alla verifica periodica così come previsto dalla vigente normativa.
     
    10/01/2022 11:59
  3. 05/01/2022 19:07 -

    “Gentili signori,
    in riferimento alla “Procedura aperta per l’affidamento del servizio di noleggio, installazione, manutenzione dispositivi elettronici per il rilevamento delle violazioni ai limiti massimi di velocità e passaggio con semaforo rosso (artt.142 e 146/3 del C.d.S.), fornitura di un software di gestione del ciclo sanzionatorio e dei servizi di gestione sussidiaria dei procedimenti sanzionatori previsti dal Codice della Strada, servizio di recupero extragiudiziale, supporto legale per l’eventuale contenzioso  - per un periodo di 5 anni-,

    siamo a rappresentare che :
    all’Art. 15.2 del Disciplinare di gara , nel caso di ricorso al subappalto è richiesta la denominazione dei tre subappaltatori e relativa documentazione (DGUE e PASSOE) in  riferimento all’Art.105 comma 6 del Codice degli Appalti, la cui applicazione è sospesa fino al 31/12/2023.
    A tal proposito, si chiede di confermare che trattasi di refuso e non sia necessario indicare la terna dei subappaltatori e relativa documentazione.
    Cordiali Saluti.”


     


    In riscontro alla  richiesta di chiarimenti  si conferma che trattasi di refuso rappresenta quanto segue:

    il D.L. 31 maggio 2021 n. 77 dispone che fino al 31 dicembre 2023 è sospesa l’applicazione del comma 6 dell’Art. 105 e del terzo periodo del comma 2 dell’Art. 174 del D.lgs. 50/2016 e ss.mm.ii. (Codice dei Contratti Pubblici), nonché le verifiche in sede di gara, di cui all’Art. 80 del medesimo Decreto, riferite al Subappaltatore. Conseguentemente non sussiste l’obbligo di indicare, ivi incluso nella compilazione del DGUE, la terna dei subappaltatori e non dovrà essere altresì allegata la documentazione a questi riferita, funzionale alle verifiche in sede di gara di cui all’Art. 80 del Codice.

     
    10/01/2022 12:03

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@asmecomm.it - 800 955054

Attivo dal lunedì al venerdì dalle 09 alle 14 e dalle 14:30 alle 17:30

ASMECOMM

Via Carlo Cattaneo,9 Gallarate (VA)
Tel. 800 955054 - Email: assistenza@asmecomm.it - PEC: piattaforma@asmepec.it