Gara - ID 8795

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante SAN GIORGIO DEL SANNIO
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
PROGETTO DI IGIENE URBANA E SERVIZIO RR.SS.UU. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA
CIG93456599C6
CUPH49I22000250004
Totale appalto€ 2.388.336,57
Data pubblicazione 08/08/2022 Termine richieste chiarimenti Martedi - 20 Settembre 2022 - 12:00
Scadenza presentazione offerteVenerdi - 30 Settembre 2022 - 12:00 Apertura delle offerteLunedi - 10 Ottobre 2022 - 15:00
Categorie merceologiche
  • 905111 - Servizi di raccolta di rifiuti solidi urbani
DescrizionePROGETTO DI IGIENE URBANA E SERVIZIO RR.SS.UU. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA
Struttura proponente Ufficio Servizio Gare
Responsabile del servizio arch. Bruno Parlapiano Responsabile del procedimento PARLAPIANO BRUNO
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf disciplinare-rifiuti-sgs-3-anni - 948.77 kB
File pdf bando-rifiuti-sgs-3-anni - 285.56 kB
File doc allegato-c-tracciabilit-dei-flussi-finanziari - 60.00 kB
File doc allegato-g-elenco-del-personale-da-inserire - 95.00 kB
File pdf allegato-f-facsimile-f23-per-imposta-di-bollo - 93.39 kB
File docx allegato-h-offerta-economica. - 20.58 kB
File doc allegato-e-dichiarazione-sopralluogo-autonomo - 63.50 kB
File docx allegato-a-domanda-di-partecipazione. - 40.23 kB
File doc allegato-i-dichiarazione-disponibilit-sponsorizzazione - 57.00 kB
File pdf allegato-d-dgue - 1.00 MB
File docx allegato-b-modulo-dichiarazioni. - 107.67 kB
File rar progetto-rr-ss-uu-2022 - 14.07 MB
File pdf avviso-signed - 469.78 kB
File pdf chiarimento-02 - 586.54 kB

Trasparenza

Importo liquidato0,00

Avvisi di gara

29/09/2022Chiarimento 02
CHIARIMENTO IN MERITO ALL’ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI INDIVIDUATI NELLA TABELLA: Tabella dei criteri discrezionali (D), quantitativi (Q) e tabellari (T) di valutazione dell’offerta tecnica...
12/09/2022Modifica date procedura Aperta: PROGETTO DI IGIENE URBANA E SERVIZIO RR.SS.UU. RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA
Si comunica l'avvenuta modifica delle date relative la procedura in oggettoA seguire la tabella riepilogativa delle date aggiornateTermine richieste chiarimenti20/09/2022 12:00Scadenza presentazione offerte30/09/2022 12:00Apertura delle offerte10/10/2022 ...
12/09/2022Avviso di proroga
con determina 35 del 12.09.2022 è stata approvata la proroga per la scadenza del bando di 14 gg fissando al 30.09.2022 ore 12:00 la nuova data di scadenza. Si veda Avviso Allegato...

Chiarimenti

  1. 10/08/2022 16:09 - Spett.Le Ente,
    il costo per lo smaltimento/trattamento resta a carico del
    Comune? per tutti i rifiuti raccolti ed oggetto dell’appalto?
    In atttesa di riscontro, cordiali saluti.


    I costi di smaltimento relativi ai conferimenti in piattaforma rimangono a carico del Comune di San Giorgio del Sannio. Come si evince dall’elaborato Quadro Economico – Costi exstra canone e quota di ricavi CONAI
    11/08/2022 16:59
  2. 16/08/2022 16:13 - in riferimento al quesito, trattandosi di formato non editabile, nel testo della risposta , in corsivo sono riportati i quesiti (senza le tabelle) mentre le risposte sono riportate con testo normale.

    Punto 1
    Al punto 8.1. lettera b) del disciplinare di gara, si chiede l’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per la categoria 1, classe F (popolazione servita fino a 5.000 abitanti). Il requisito della classe “F” non è consono poiché il Comune di San Giorgio del Sannio conta circa 10.000 abitanti; pertanto, la classe richiesta deve essere “E” (popolazione servita fino a 20.000 abitanti).

    in riferimento a quanto segnalato si rappresenta che la classe di riferimento deve essere E per comuni fino a 20.000 abitanti.

    Punto 2
    Nella relazione tecnico illustrativa “Personale per lo svolgimento del servizio”, si indica la presenza di n.12 addetti al servizio, oggetto di passaggio di cantiere, con contratto full-time che dovranno essere inquadrati secondo il livello in essere e con CCNL FISE/ASSOAMBIENTE. Il costo annuo del personale indicato nella relazione tecnico illustrativa e nel quadro economico generale pari ad € 503.014,08 non è corretto, poiché è carente di €/anno 17.406,71.

    Con riferimento al punto 2 della richiesta di rettifica in autotutela degli atti di gara si precisa che il calcolo del costo della manodopera è stato effettuato facendo riferimento alle tabelle ministeriali - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali relativamente ai costi per il personale addetto ai servizi ambientali aziende private.
    In particolare la tabella del costo annuale della manodopera contempla, n. 12 operatori
    distribuiti nella misura che segue: n. 7 OPERATORI LIVELLO 2A, n. 2 OPERATORI LIVELLO 3A, n. 2 OPERATORI LIVELLO 4A, n. 1 OPERATORI LIVELLO 1A.
    Il costo medio annuo è desunto dal prodotto tra il costo orario relativo a ciascun livello e le ore mediamente lavorate pari a 1583 ore/anno. Quest’ultimo dato è desunto dalle ore annue teoriche pari a 1877 ore/anno (36 ore per 52 settimane) meno le ore annue mediamente non lavorate pari a 294 ore/anno (ferie, festività, malattia, maternità, permessi, infortuni, formazione etc).
    Infine, volendo considerare i costi annui di ciascun operatore secondo il CCNL aggiornato al marzo 2019, come da prospetto di confronto offerto, rileva che gli stessi sono calcolati su n. 1.641 ore annue, diversamente da quanto riportato nel progetto, ove le ore cui parametrare i suddetti costi sono 1.583. Per dette ragioni le risultanze del prospetto contestato risultano sensibilmente inferiori a quelle prospettate dalla Ditta e dunque non contestabili sulla base della tabella di confronto offerta. In seguito all’entrata in vigore di nuove tabelle ministeriali si chiarisce che si garantirà l’adeguamento dei costi.

    Punto 3
    Per le attività di separazione domestica e non domestica e conferimento dei rifiuti è prevista da parte dell’aggiudicatario la fornitura di mastelli di diverse volumetrie e contenitori carrellati per utenze condominiali e commerciali. Si nota un’anomalia nel calcolo dei costi per tali attrezzature. Spett.le Comune
    di San Giorgio del Sannio Piazza Municipio, 1 82018 San Giorgio del Sannio (BN) C.A. RUP Arch. Bruno Parlapiano protocollosgs@pec.cstsannio.it San Lorenzello, lì 16 agosto 2022 Prot. n. R-u/0572/IU Comune di San Giorgio del Sannio (BN) Prot. n. 0012615 del 17-08-2022 Nella tabella di cui a pag. 48 della relazione tecnica illustrativa, che di seguito si riporta, viene indicato un costo totale ANNUO per ciascuna tipologia di attrezzatura prevista che assume un valore complessivo annuo pari a € 30.659,61.
    Il costo ANNUO suppone che il calcolo sia effettuato sull’intera durata dell’appalto ovvero ammortizzando i costi per i 3 anni previsti, ma ciò non avviene in quanto, nel quadro economico di cui alla pag. 55 della relazione tecnico illustrativa, tale valore viene considerato solo per il primo anno e nullo per i due anni successivi al primo.
    Appare quindi evidente che l’importo complessivo dell’appalto risulta carente di € 61.319,22. Per di più, nella relativa colonna della precedente tabella, è presente la dicitura: costo unitario ANNUO. Tale dicitura implica che tale costo deve essere considerato per i tre anni di durata dell’appalto e non solo per il primo. Si rappresenta, inoltre, che il costo unitario annuo delle singole attrezzature di cui sopra è sotto stimato rispetto alle condizioni di mercato. Basti pensare che un mastello da litri 40 è quotato almeno € 6,00, ossia €/anno 2,00 anziché €/anno 1,37.

    Si chiarisce che il costo delle attrezzature è da intendersi come valore totale per l’intero triennio. Pertanto trattasi di refuso. In tal caso il valore di euro 30.659,61 è da intendersi spalmato sul triennio, per un valore di euro 10.219,87 annuo.
    Si precisa inoltre che il costo di acquisto delle attrezzature è stato determinato sulla base di analisi di mercato e di politiche di sconto di diversi fornitori.

    Punto 4
    Si riscontrano delle anomalie sul costo degli automezzi che contribuiscono alla formazione dell’importo a base di gara (…..).

    Con riferimento ai punti 4.1, 4.2 e 4.3, si contestano i costi di acquisto e i consumi della spazzatrice da 7mc, del compattatore di grande portata nonché del costipatore da 5mc, dati ritenuti presuntivamente inferiori rispetto a quelli reali secondo il parere dei fornitori della Ditta.
    In merito al punto 4.1. si precisa che il costo di acquisto dell’automezzo è stato determinato sulla base di analisi di mercato e di politiche di sconto di diversi fornitori sia italiani che esteri e determinando una media ponderata nella quantificazione del costo di acquisto. Altresì, in merito al consumo di carburante, lo stesso è stato determinato su una percorrenza media annua di km 1000 e tenuto conto della media del costo del gasolio nell’anno 2021 e parte del 2022. I dati tecnici della spazzatrice 7mc sono stati determinati sulla base di schede tecniche presenti sui siti specializzati e in analoghi progetti presentati in altri comuni italiani dove il consumo indicato risulta di 2 km al litro. Quanto al termine “VALORE DI REALIZZO” lo stesso rappresenta la quota parte del prezzo che l’impresa ritiene di poter realizzare vendendo direttamente il bene in rimanenza e determinando lo stesso in rapporto tra il costo del bene e il costo totale della combinazione produttiva cui il medesimo partecipa.
    In merito al punto 4.2. si precisa che il costo di acquisto dell’automezzo è stato determinato sulla base di analisi di mercato e di politiche di sconto di diversi fornitori sia italiani che esteri e determinando una media
    ponderata nella quantificazione del costo di acquisto. Altresì, in merito al consumo di carburante, 2 km al litro, ritenuto anormalmente basso, lo stesso è stato determinato sulla base di schede tecniche presenti sui siti specializzati e in analoghi progetti presentati in altri comuni italiani dove il consumo indicato risulta di 2 km al litro. In relazione ai siti di destinazione delle frazioni merceologiche raccolte, i km di percorrenza sono compatibili con la sede degli stessi fornita dalla stazione appaltante.
    In merito al punto 4.3. si precisa che il costo di acquisto del costipatore è stato determinato sulla base di analisi di mercato e di politiche di sconto di diversi fornitori sia italiani che esteri e determinando una media ponderata nella quantificazione del costo di acquisto. Altresì, in merito alla percorrenza media annua stimata in km 785, la stessa tiene conto del numero di giorni a settimana di utilizzo del veicolo e delle dimensioni del Comune di riferimento. In relazione al costo annuo del carburante, lo stesso è frutto di un refuso.

    Punto 5
    Alla pag. 23 del CSA si legge: Il gestore dovrà fornire 2 ecoisole da posizionare sul territorio in accordo con l’amministrazione comunale. L’isola ecologica dovrà essere autonoma e autosufficiente, anche dal punto di vista energetico nella gestione e controllo dei rifiuti mediante rivelatori di peso, volume e posizione. Deve essere dotata di un sistema di registrazione e monitoraggio garantisca un controllo in tempo reale dei conferimenti e degli utenti. I moduli dovranno prevedere la possibilità di conferire le seguenti frazioni: carta, vetro, plastica, indifferenziato, umido, piccoli RAEE, olio vegetale esausto.

    La previsione di cui alla pagina n. 23 del Capitolato Speciale d’Appalto è da intendersi quale refuso, in ragione anche del fatto che la stessa tipologia di servizio non trova conferma all’interno del dimensionamento del servizio e analisi dei costi.

    Punto 6
    In ottemperanza alle disposizioni progettuali spettano all’aggiudicatario gli oneri di trasporto dei rifiuti derivanti da esumazione ed estumulazione cimiteriale. All’interno degli elaborati progettuali non si fa riferimento alle modalità di svolgimento del servizio ovvero non vi è nessuna voce di costo relativa agli automezzi che dovrebbero essere impiegati per le suddette operazioni. Considerando che per tutte le tipologie di automezzi previsti i chilometri annui prima richiamati risultano essere insufficienti anche per i servizi quotidiani, si chiede di stimare tali costi e quindi rettificare il quadro economico complessivo posto a base di gara.

    Per tutto quanto attiene il servizio inerente la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti da esumazione ed estumulazione, si fa riferimento a quanto riportato nell’apposita scheda di pagina 85/86 della relazione illustrativa del piano di gestione. In tal caso se i servizi non sono stati dimensionati devono intendersi a carico della Stazione Appaltante.

    Punto 7
    All’interno della tabella di riepilogo dei servizi riportata alla pag. 25 della relazione tecnico illustrativa si richiede il servizio di pulizia delle caditoie e dei pozzetti stradali da svolgersi con 2 interventi al mese e delle fontane per 2 volte l’anno da svolgersi con impiego di automezzo dotato di auto espurgo per un totale di 26 interventi annui. Si fa presente che tale automezzo, pur essendo presente nelle schede di calcolo, non è stato quotato nel quadro economico. Si chiede, pertanto, di integrare il quadro economico.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi. Nel caso lo stesso non sia presente nel dimensionamento e analisi costi si intende extra progetto e pertanto sarà oggetto di affidamento nel momento in cui se ne verifichi la necessità.

    Punto 8
    All’interno della tabella di riepilogo dei servizi riportata alla pag. 25 della relazione tecnico illustrativa si richiede il servizio di pulizia e lavaggio delle strade per 10 interventi annui, svolti Comune di San Giorgio del Sannio (BN) Prot. n. 0012615 del 17-08-2022 con apposito automezzo che non viene quotato nel quadro economico complessivo. Si chiede di chiarire tale aspetto e di integrare il quadro economico.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi. Nel caso lo stesso non sia presente nel dimensionamento e analisi costi si intende extra progetto e pertanto sarà oggetto di affidamento nel momento in cui se ne verifichi la necessità.

    Punto 9
    Si chiede conferma che i costi per lo smaltimento dei rifiuti abbandonati eventualmente rinvenuti sul territorio comunale sono di competenza comunale, poiché non quotati nel quadro economico.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi. Nel caso lo stesso non sia presente nel dimensionamento e analisi costi si intende extra progetto e pertanto sarà oggetto di affidamento nel momento in cui se ne verifichi la necessità.

    Punto 10
    Si chiede conferma che i costi per la predisposizione del piano operativo, comprensivi di diritti sanitari, per la rimozione di rifiuti contenenti amianto, sono di competenza del Comune.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi.

    Punto 11
    Vi è discordanza tra i diversi documenti di gara sulla frequenza di raccolta del vetro da UD e UND. Il CSA riporta una frequenza di raccolta quindicinale (1/14) mentre la relazione tecnico illustrativa riporta una frequenza di raccolta settimanale (1/7). Si chiede di indicare la corretta frequenza di raccolta e di adeguare il relativo quadro economico.

    Il servizio di raccolta del vetro da UD e UND è ipotizzato con frequenza settimanale (1/7), pertanto quanto riportato nel Capitolato Speciale d’Appalto è da intendersi quale refuso.

    Punto 12
    È previsto lo svolgimento di servizio di raccolta di rifiuti ingombranti con le modalità indicate alla pag. 28 della relazione tecnico illustrativa ovvero: Per la raccolta dei rifiuti ingombranti e RAEE si deve prevedere di utilizzare automezzi allestiti con gru caricatore con organo agganciato polipo idraulico - pianale ribaltabile e pedana montacarichi a colonna. Il progetto indica che l’aggiudicatario deve dotarsi di mezzi con gru o pianale ma nella gestione dei servizi si prevede che il servizio sia svolto con un mezzo a vasca da 5 mc e non con pianale o gru. Si chiede di indicare in che modo sia possibile impiegare un mezzo a vasca per tale servizio. Si fa notare che non vi è alcuna voce di costo relativa alla gestione di automezzi idonei a tale servizio (automezzo con gru o pianale ribaltabile con pedana). Si chiede di chiarire e di adeguare il quadro economico con gli automezzi specifici non previsti.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi.

    Punto 13
    Per la raccolta delle varie tipologie di RUP nella relazione illustrativa si prevede che l’aggiudicatario deve prevedere di utilizzare automezzi furgonati attrezzati con idonei contenitori ma nella gestione dei servizi si prevede impiego di automezzo a vasca da 5 mc. Si chiede di chiarire e di adeguare il quadro economico con gli automezzi specifici non previsti.

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi.
     
    08/09/2022 15:58
  3. 29/08/2022 11:46 - Buongiorno, si richiede il chiarimento di n. 2 quesiti per quanto riguarda il documento di gara precisamente l’allegato così denominato “1_2_3_4_5_6_RELAZIONI_PROGETTO_SCHEDA_SINTESI_ELENCO_ELEBORATI”.
    1 QUESITO) in rif. al paragrafo “PERSONALE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO” dove dispone che:
    “L'impresa aggiudicataria dovrà osservare le disposizioni del C.C.N.L. FISE o ASSOAMBIENTE, per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di nettezza urbana, smaltimento rifiuto, espurgo pozzi neri e simili e depurazione delle acque”.
    e successivamente continua:
    “…L’Appaltatore, ai sensi dell’art. 6 del C.C.N.L. di categoria vigente, deve impegnarsi ad assumere, tutto il personale attualmente in servizio presso la Ditta cessante, a far data dall’inizio dell’Appalto, con passaggio diretto e immediato, senza soluzione di continuità e mantenendo allo stesso il trattamento economico e giuridico previsto, compresa l’anzianità maturata fino a quel momento come previsto dal CCNL di settore.”
    Ciò posto si chiede se vi è l'obbligo di un determinato contratto collettivo o se appartiene all'impresa la scelta dell'applicazione del CCNL da applicare.  
    In quest’ultimo caso si riporta la numerosa giurisprudenza del caso:
    CONSIGLIO DI STATO, SEX. V, 1° MARZO 2017, N. 932” è demandato all’imprenditore e, di conseguenza, alla libertà contrattuale delle parti, la scelta del contratto collettivo da applicare, a condizione che risulti coerente con l’oggetto dell’appalto stesso…
    TAR PUGLIA, BARI, SEZ. 2 DEL 12 NOVEMBRE 2019, N.1491 “la clausola sociale non può imporre agli operatori economici l’applicazione di un dato CCNL a tutti i lavoratori da assorbire” ………
    CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V, SENTENZA DEL 28 MAGGIO 2019 N. 3487 costituisce consolidato orientamento giurisprudenziale quello in base al quale “l’applicazione di un determinato contratto collettivo non può essere imposta dalla lex specialis alle imprese concorrenti…………
    CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III, SENTENZA DEL 15 MARZO 2021 N. 2168 
    Non rientra nella discrezionalità dell’amministrazione appaltante imporre o esigere dai partecipanti alla gara un determinato contratto collettivo nazionale di lavoro, tanto più qualora una o più tipologie di contratti possano anche solo astrattamente adattarsi alle prestazioni oggetto del servizio da affidare.
    2 QUESITO) in rif. al paragrafo “CALCOLO DEL COSTO ATTREZZATURE” è presente una tabella dove illustra il dimensionamento delle stesse da fornire, ovvero il fabbisogno delle attrezzature. La suddetta tabella riepiloga il COSTO TOTALE ANNUO calcolato con il criterio della media, sulla base delle schede tecniche di ciascuna e dei costi rilevati dai principali fornitori operanti nel settore, pari a € 30.659,61.
    Alla fine dello stesso è presente il QUADRO ECONOMICO GENERALE, dove precisamente, sez. A alla riga del punto 3 denominata “COSTO ATTREZZATURE ANNUO”, l’importo del COSTO TOTALE ANNUO coincide con il COSTO TOTALE TRIENNALE.
    Pertanto, si chiede se è un mero errore il mancato inserimento, nel QUADRO ECONOMICO GENERALE, l’importo ANNUO anche nelle colonne del 2 ANNO pari a € 30.659,61 anziché l’importo presente pari a € 0,00, altrettanto al 3 ANNO pari a € 30.659,61 anziché l’importo presente pari a € 0,00 del COSTO TOALE ANNUO, in modo tale da avere la somma dei tre anni (intera durata della gara) pari a € 30.659,61 + € 30.659,61 + € 30.659,61 per ottenere il COSTO TOTALE TRIENNALE pari a 91.978,83.
    O se, semplicemente, va imputato nel primo anno l’intero costo delle attrezzature ovvero pari a € 91.978,83, in modo tale da restare invariato così il costo riportato in tabella per il 2 e 3 anno.
    Cordiali saluti


    Quesito 1
    Richiamato rispettivamente:
    • quanto previsto dall’art. 50 del D.lgs. n. 50/2016, dove “(…..) i bandi di gara, gli avvisi e gli inviti inseriscono, nel rispetto dei principi dell'Unione europea, specifiche clausole sociali volte a promuovere la stabilità occupazionale del personale impiegato, prevedendo l’applicazione da parte dell’aggiudicatario, dei contratti collettivi di settore di cui all’articolo 51 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81(…..)”;
    • quanto previsto all’art. 51 del D.lgs. 15 giugno 2015, n. 81 dove “Salvo diversa previsione, ai  fini  del  presente  decreto,  per contratti collettivi si intendono i contratti collettivi  nazionali, territoriali  o  aziendali  stipulati da associazioni sindacali comparativamente  piu' rappresentative  sul  piano  nazionale  e   i contratti collettivi aziendali stipulati  dalle  loro  rappresentanze sindacali aziendali ovvero dalla rappresentanza sindacale unitaria”;
    e ribadito quanto disposto dalle Linee giuda Anac n. 13, recanti “la disciplina delle clasusole sociali”. Si chiarisce che il progetto è impostato sul rispetto di quanto previsto dal combinato disposto dell’apparato normativo di cui sopra, prevedendo per tutto quanto attiene il personale, l’applicazione della tipologia di contratto collettivo più aderente all’oggetto del servizio da appaltare.
    Quesito n. 2
    Si chiarisce che il costo delle attrezzature è da intendersi come valore totale per l’intero triennio. Pertanto trattasi di refuso. In tal caso il valore di euro 30.659,61 è da intendersi spalmato sul triennio, per un valore di euro 10.219,87 annuo.
    Si precisa inoltre che il costo di acquisto delle attrezzature è stato determinato sulla base di analisi di mercato e di politiche di sconto di diversi fornitori. (Vedi anche risposta Punto n. 3 già fornita ad altro concorrente)
     
    08/09/2022 16:02
  4. 30/08/2022 17:11 -

    vedasi chiarimenti forniti
    08/09/2022 16:02
  5. 31/08/2022 15:46 - Buon giorno
    la presente per formulare i seguenti quesiti:
    1. Nella valutazione dei costi del personale effettuata dalla stazione appaltante (come riportato al punto 4.1 del disciplinare di gara) sono state utilizzate le tabelle di costo aggiornate a Marzo 2019; si rappresenta che sono entrate in vigore le nuove tabelle di costo aggiornate da Luglio 2022 a Luglio 2024.
    2. A tal proposito si chiede di adeguare il costo della manodopera o garantire in seguito l’adeguamento dei costi.
    3. Nel progetto dei servizi è richiesto il servizio di spurgo caditoie con frequenza minima di 2 volte al mese. A tal riguardo si rappresenta che il costo dell’autospurgo non è computato nei costi, inoltre non è indicato il numero di caditoie presenti; pertanto, si chiede:
    1. Specificare il numero di caditoie presenti, per poter dimensionare il servizio.
    2. Adeguare il costo dell’appalto inserendo il costo dell’autospurgo.
    1. Si chiede conferma che la fornitura di sacchi biodegradabili per l’umido e altre eventuali tipologie di sacchi non è a carico dell’aggiudicataria, in quanto non è computato nei costi a base d’asta.
    2. Si chiede conferma che il servizio di smaltimento inerti indicato all’art.2 del CSA nonché nella Relazione tecnico illustrativa non è a carico dell’aggiudicataria e trattasi di refuso, in quanto non è computato nei costi a base d’asta.
    3. Nel CSA si richiede la fornitura di n.100 compostiere domestiche, ma tale fornitura non è computata nei costi, si chiede se trattasi di refuso, altrimenti si chiede di aggiornare il costo a base d’asta.
    4. Si chiede di specificare la frequenza di raccolta del vetro, avendo rilevato delle incongruità nei documenti di gara: nello specifico, nella Relazione tecnico illustrativa è riportata una frequenza di 1 volta a settimana, nel CSA di 1 volta ogni due settimane.
    si ringrazia anticipatamente  per l’attenzione.
    distinti saluti


    Punto 1 e 2

    In merito a quanto segnalato per il costo del personale si garantirà l’adeguamento dei costi alle vigenti tabelle (luglio 2022 – luglio 2024).

    Punto 3, leet. a) e b)

    Per quanto attiene la lettera a) della presente domanda si chiarisce che il dimensionamento è stato effettuato ponderando il numero di interventi mensili in ragione non della totale copertura dell’intero territorio comunale, ma attivato a richiesta dell’Amministrazione laddove se ne dovesse rendere necessario l’intervento. Pertanto il servizio si intende reso a richiesta dell’Amministrazione. Per quanto concerne la lettera b) si chiarisce che il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi. Nel caso lo stesso non sia presente nel dimensionamento e analisi costi si intende extra progetto e pertanto sarà oggetto di separato affidamento nel momento in cui se ne verifichi la necessità.

    Punto 4

    Non è prevista la fornitura da parte della ditta aggiudicataria di sacchi biodegradabili per l’umido e/o altre eventuali tipologie di sacchi.

    Punto 5

    Quanto riportato all’art. 2, lettera g) può essere inteso quale refuso, in quanto la raccolta di tali componenti è ricompresa già in altri servizi.

    Punto 6

    Il servizio si intende reso all’interno delle ore e con l’impiego delle macchine riportate nella sezione del dimensionamento del servizio e analisi costi. Nel caso lo stesso non sia presente nel dimensionamento e analisi costi si intende extra progetto e pertanto sarà oggetto di affidamento nel momento in cui se ne verifichi la necessità.

    Punto 7

    Il servizio di raccolta del vetro da UD e UND è ipotizzato con frequenza settimanale (1/7), pertanto quanto riportato nel Capitolato Speciale d’Appalto è da intendersi quale refuso. (vedi anche risposta Punto 11 resa in altro chiarimento)
     
    08/09/2022 16:06

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@asmecomm.it - 800 955054

Attivo dal lunedì al venerdì dalle 09 alle 14 e dalle 14:30 alle 17:30

ASMECOMM

Via Carlo Cattaneo,9 Gallarate (VA)
Tel. 800 955054 - Email: assistenza@asmecomm.it - PEC: piattaforma@asmepec.it