Pubblicato

Gara #22625

Servizio di ristorazione scolastica per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Pino Torinese - periodo 1 settembre 2024/31 agosto 2027 (con possibilità di proroga per ulteriori due anni scolastici)
Accedi o registrati per interagire con la piattaforma
Accedi Registrati

Informazioni appalto

21/03/2024
Aperta
Servizi
€ 1.845.900,00
DELFINO STEFANO
Pino Torinese

Categorie merceologiche

55524 - Servizi di ristorazione scolastica

Lotti

1
B0E2C6A4B8
Qualità prezzo
Servizio di ristorazione scolastica per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Pino Torinese - periodo 1 settembre 2024/31 agosto 2027 (con possibilità di proroga per ulteriori due anni scolastici)
Servizio di ristorazione scolastica per il periodo 01/09/2024-31/08/2027 con facoltà di proroga ai sensi dell’art. 120 comma 10 del D.Lgs. 36/2023 per un massimo ulteriore di n. 2 anni scolastici, in conformità alle specifiche tecniche e alle clausole contrattuali contenute nei criteri ambientali minimi di cui al D.M. n. 65 del 10/03/2020 ad oggetto “Criteri Ambientali Minimi per il servizio di ristorazione scolastica collettiva e la fornitura di derrate alimentari ” emanato dal Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.
L’appalto ha per oggetto l’affidamento a imprese specializzate nell’ambito della refezione scolastica e collettiva del servizio di ristorazione per i minori frequentanti le scuole dell’infanzia, primarie e secondaria di primo grado di Pino Torinese, docenti ed educatori. Ha per oggetto altresì il servizio di ristorazione dei bambini frequentanti il centro estivo Estate Bimbi comunale svolto in una delle due scuole dell’infanzia statali, se attivato.
L’appalto in oggetto comprende il servizio di preparazione, cottura, confezionamento, veicolazione e distribuzione dei pasti secondo le modalità indicate nel presente Capitolato, nonché le pulizie e il riassetto dei punti di distribuzione e dei locali annessi, compresi i servizi igienici utilizzati dal personale addetto alla distribuzione dei pasti.
L’appalto prevede, altresì, la gestione informatizzata, a cura della Impresa appaltatrice (indicata in seguito con I. A.), delle presenze, delle iscrizioni al servizio e per la prenotazione dei pasti.
€ 1.032.629,00
€ 810.121,00
€ 3.150,00

Scadenze

28/04/2024 23:45
24/04/2024 23:45
07/05/2024 00:00
08/05/2024 09:30

Allegati

capitolato-speciale-dappalto.pdf
SHA-256: 8744a0f87285467b622f6f0e162408d32f7d58a7bb4d878066b143bc949bce2c
18/03/2024 16:49
535.42 kB
all.-a-linee-di-indirizzo-per-la-stesura-di-un-menu-2023.pdf
SHA-256: 6d8ff43eb91d67ffc3c82bc836b048e80f137de3558a51a194b0818f5fdaeaa9
18/03/2024 16:52
82.17 kB
all.-b-pino-t.se-tabelle-delle-grammature.pdf
SHA-256: 5707884148bd040427c71c83a6e20a919a82e603b760bb673809ee689afeec3b
18/03/2024 16:53
154.66 kB
all.-c-tabelle-merceologiche-2023.pdf
SHA-256: 15a3c4bcd67643e643d511278d94ff004f16d61a77f81c5ad2720d04c344cac3
18/03/2024 16:53
441.15 kB
all.-d-inventario.pdf
SHA-256: 5d58bce59956ec89af497cb85de71177bddf6339df93fa00598a334244ef95a0
18/03/2024 16:53
63.79 kB
all.-e-bozza-d.u.v.r.i.-.pdf
SHA-256: 81cfd1e1f62100763d93d8312854de63a36b890c26b2ec4889439400e3516a40
18/03/2024 16:53
305.40 kB
all.-f-piante-locali.pdf
SHA-256: b66cc5a06756a05df72798ca44fb82fef756cffcbc0010354d1e904c42da6bac
18/03/2024 16:53
569.08 kB
all.-g-regolamento-commissione-mensa.pdf
SHA-256: 45da0523e2432138d7501b0754666ad97cfa50291905305dc57865e9afd30147
18/03/2024 16:53
189.77 kB
norme-tecniche-tuttogare-per-operatori-economici.pdf
SHA-256: 49b890d9e8e143a02952d3e82a26455f3fea3ffee899418248923bac18a6dd9f
18/03/2024 16:54
10.28 MB
disciplinare-di-gara-ristorazione-scolastica-2024-2027.pdf.p7m
SHA-256: 4773febd2a1f40b0fe0d5e9d633b0661fc5c6bc2b22ba661b0e218c7885cd1b3
18/03/2024 17:04
348.67 kB
bozza-contratto-ristorazione-2024-2027.pdf
SHA-256: eaf3caefebd4591aa68e0b9b413e41ba1ada1179df24732eba0ba8c7719eecfd
18/03/2024 17:04
103.76 kB

Chiarimenti

27/03/2024 11:16
Quesito #1
Buongiorno, la presente per chiedere il seguente chiarimento:
nell’Allegato 1 – Domanda di partecipazione, punto 9 “Assunzione di ulteriori impegni” viene richiesto di dichiarare:
- impegnarsi a garantire, in caso di aggiudicazione del servizio ed entro la data di avvio dell’esecuzione del contratto, la disponibilità di almeno un centro di cottura adeguato alla produzione del numero di pasti giornalieri richiesto dal Comune di Pino Torinese e situato nel raggio di 20 km dal Municipio di Pino Torinese (o al massimo a 45 minuti di distanza dallo stesso, calcolati sui tempi di percorrenza di un’autovettura attraverso il sito online gratuito GoogleMaps); la disponibilità di un centro di cottura adeguato alla produzione dei pasti oggetto di gara sarà mantenuta per tutto il periodo contrattuale 01/09/2024-31/08/2027.
Di fatto all’art. 6.3.b) del Disciplinare viene riportato che “Il concorrente può partecipare alla presente procedura dichiarando la disponibilità di più centri cottura, anche avvicendandoli tra loro nel corso dell’appalto, purché nel rispetto della distanza o del tempo di percorrenza sopra indicati”.
In riferimento a tutto quanto sopra esposto, si richiede pertanto se quanto indicato all’art. 6.3.b) del DdG sia possibilità inclusa e da dichiarare al punto 9) della domanda di partecipazione.
27/03/2024 15:32
Risposta
Si conferma che quanto indicato all'art. 6.3.b) del Disciplinare di gara è possibilità inclusa al punto 9) della domanda di partecipazione. In sostanza il Disciplinare prevede che i centri di cottura possano essere avvicendati tra loro nel corso dell'appalto; alla luce di ciò, nella domanda di partecipazione, il concorrente dichiara di impegnarsi a garantire la disponibilità di ALMENO un centro di cottura adeguato, che non necessariamente deve essere lo stesso per tutta la durata contrattuale. Come da medesimo punto 6.3.b) del Disciplinare, il concorrente può ulteriormente specificare nella domanda di partecipazione la disponibilità di più centri di cottura, che possono essere avvicendati tra loro.
29/03/2024 09:59
Quesito #2
1. Al fine di poter valutare in modo corretto i costi da sostenere per la corretta esecuzione dell’appalto si chiede di integrare l’elenco riportato all’art. 9 del Disciplinare di gara con le seguenti informazioni:
a) tipo contratto (ex. determinato, indeterminato etc.)
b) se soggetti a sospensione scolastica
c) sito d’appartenenza (infanzia, primaria, centro cottura etc.)

2. Si chiede di voler indicare:
- l’attuale fornitore del servizio e il prezzo a pasto attualmente in vigore;
- le spese di contratto a carico dell’affidatario;
- il numero di pasti anno suddivisi per grado scolastico

3. Rif. art. 31 del Capitolato Speciale d’Appalto: Si chiede di indicare eventuali interventi già richiesti dal SIAN che sono attualmente in sospeso ma in carico alla stazione appaltante

4. Rif. art. 33 del Capitolato Speciale d’Appalto: sono indicate a carico della I.A la manutenzione ordinaria dei locali e degli impianti. Si chiede di confermare che la manutenzione degli impianti e dei locali, ad eccezione delle attività elencate nel medesimo articolo, sono in carico alla stazione appaltante.
03/04/2024 15:38
Risposta
1a) Il tipo di contratto è indicato nella seconda colonna della tabella riportata all'art. 9 del Disciplinare di gara;
1b) il personale elencato è soggetto a sospensione scolastica
1c) si allega la tabella contenente il personale impiegato attualmente per il servizio di ristorazione con, in ultima colonna, l'indicazione del sito di appartenenza;

2) - l'attuale fornitore del servizio è Sodexo Italia s.p.a.; il prezzo a pasto attualmente in vigore è € 5,63 al netto di IVA;
- le spese a carico dell'affidatario per la stipula del contratto in forma pubblica amministrativa ammontano indicativamente a € 3.250,91 comprendenti diritti di segreteria, imposta di registro e imposta di bollo. Si evidenzia che tale importo è calcolato sul valore dell'appalto posto a base di gara (compresi altresì gli oneri della sicurezza), quindi è suscettibile di variazione in relazione al valore di aggiudicazione;
- Si riporta qui di seguito il numero di pasti all'anno per grado scolastico con riferimento agli ultimi dati disponibili a consuntivo, relativi all'a.s. 2022/2023:
numero di pasti all'anno per scuole dell'infanzia: 20.068
numero di pasti all'anno per scuole primarie: 41.001
numero di pasti all'anno per scuola secondaria di primo grado: 865

3) Interventi allo stato attuale richiesti dal Sian a carico della stazione appaltante, in corso di esecuzione e non ancora conclusi: posa di reti antintrusione insetti alle aperture finestrate dei locali deposito, spogliatoio e servizio igienico presso i locali cucina del plesso Calvino; posa di reti antintrusione insetti alla porta finestra del locale filtro presso la cucina e alle finestre del refettorio del plesso Collodi;

4) L'art. 33 del CSA, in relazione ai beni, alle attrezzature e ai locali dati in consegna all'I.A., specifica che: "Sono a carico dell’I. A. gli oneri connessi:
- alla manutenzione ordinaria dei locali e degli impianti;
- alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle attrezzature e degli arredi delle cucine, dei punti di distribuzione e dei locali a uso esclusivo dell’I. A. (servizi igienici, spogliatoi del personale, ecc.)". Segue poi, nel medesimo articolo, un elenco di possibili interventi di manutenzione, a titolo esemplificativo e non esaustivo.
tabella-siti-di-appartenenza.pdf
SHA-256: 4dcaca4093bff704ffdee436357cd7718605922ae15738209fa5d89c405ef992
03/04/2024 15:38
54.91 kB
10/04/2024 16:16
Quesito #3
Buongiorno,
ai sensi dell'art. 10 "Garanzia Provvisoria", lett. c), ai fini della riduzione di un ulteriore 20%, si richiede se il possesso della certificazione ambientale (ISO 14001) e della certificazione Ecolabel sono alternative o è necessario essere in possesso di entrambe.
In attesa di un Vs cortese riscontro, si porgono cordiali saluti.
10/04/2024 16:42
Risposta
Ai fini della riduzione di un ulteriore 20% della garanzia provvisoria, il possesso della certificazione ambientale (ISO 14001) e della certificazione Ecolabel sono alternative.
10/04/2024 09:25
Quesito #4
Spett.le Stazione Appaltante,
nell’interesse della Scrivente a prendere parte alla presente procedura di Gara, si chiede di chiarire quanto segue.
1. Considerato che la disciplina di gara prevede solo criteri di valutazione discrezionali, i cui oggetti sono inconfutabilmente ampi, si desume che il limite dimensionale previsto dalla legge di gara per la redazione dell’offerta tecnica si palesa incongruo e, dunque, inesigibile. Come sopra rappresentato, infatti, l’elaborazione progettuale deve rispondere a criteri di valutazione il cui contenuto non è suscettibile di estrema sintesi data la natura tecnica e di dettaglio degli stessi. Pertanto, la richiesta di osservanza di un simile limite di redazione progettuale viola in concreto non solo i principi di favor partecipationis e concorrenza, ma pregiudica anche la finalità della corretta formazione della volontà pubblica, non potendo realmente essere valutata e soppesata un’offerta che – solo per il rispetto di rigidi, irragionevoli, sproporzionati formalismi – viene redatta con estrema e non esaustiva sintesi.
Per tali ragioni, con la presente si chiede a Codesta Amministrazione di rettificare gli atti di gara, prevedendo un limite dimensionale non inferiore alle 50 pagine.
2. All’art 16 del Disciplinare di Gara, si legge quanto segue: “Ai fini del rispetto della clausola sociale sulla stabilità occupazionale di cui al punto 9, il concorrente allega all’offerta tecnica un progetto di assorbimento atto ad illustrare le concrete modalità di applicazione della clausola sociale”. Allo stesso modo, nell’ultimo periodo del criterio progettuale 1.5, è presente la seguente indicazione: “In tale punto deve essere altresì compreso il progetto di assorbimento del personale (applicazione della clausola sociale).
Alla luce delle due diverse prescrizioni, si chiede di confermare che la scelta sulla modalità di produzione del piano di assorbimento sia a discrezione dell’offerente (in allegato all’offerta tecnica oppure all’interno della stessa).
3. All’art. 39 del Capitolato Speciale d’Appalto, la Spett.le Stazione Appaltante elenca le caratteristiche delle stoviglie che dovranno essere utilizzate per il servizio. Tra queste, rileva la richiesta di fornitura di piatti in melamina. In merito, si fa presente che le disposizioni dei Criteri Ambientali Minimi (DM 10 marzo 2020) impongono la somministrazione dei pasti in stoviglie riutilizzabili in ceramica o porcellana bianca (solo negli Asili nido è concesso l’utilizzo di stoviglie in plastica dura), cfr. lett. b “clausole contrattuali” p. 4 “Prevenzione dei rifiuti e altri requisiti dei materiali e oggetti destinati al contatto diretto con gli alimenti (MOCA)” dei CAM 2020. Si chiede di confermare che la prescrizione presente all’art. 39 del CSA, relativa alle caratteristiche delle stoviglie, sia da ritenersi un refuso e che, di conseguenza, vadano applicati i Criteri Ambientali Minimi vigenti.

Cordiali saluti
11/04/2024 11:48
Risposta

1. Com’è noto, la giurisprudenza ritiene legittima la previsione, nei bandi di gara, di un limite dimensionale dell’offerta tecnica. Si richiama, inoltre, la previsione contenuta nel punto 16 del bando, ove è stabilito che non concorrono alla determinazione del numero massimo di pagine il sommario ed “eventuali allegati”. Peraltro, ogni aspetto inerente la valutazione dell’offerta deve essere demandato alla commissione valutatrice, nell’ambito dei poteri tecnico-discrezionali alla stessa spettanti.

2. Si conferma che la scelta sulla modalità di produzione del piano di assorbimento è a discrezione dell’offerente: in allegato all’offerta tecnica oppure all’interno della stessa.

3. Si conferma che la prescrizione presente all’art. 39 del CSA relativa alla fornitura di piatti in melamina è da ritenersi un refuso, in quanto prevale la prescrizione contenuta nel DM 10 marzo 2020 (allegato, parte C. “Criteri ambientali per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica […]”, lett. a, punto 4, ove è previsto quanto segue: “I pasti sono somministrati e consumati in stoviglie riutilizzabili (bicchieri in vetro o in plastica dura non colorati, stoviglie, anche nelle scuole di infanzia, in ceramica o porcellana bianca e posate in acciaio inossidabile)”.
11/04/2024 13:50
Quesito #5
Buongiorno,
in merito al punto 6.3 REQUISITO DI CAPACITA' TECNICA E PROFESSIONALE, si richiede se il numero complessivo annuale di pasti non inferiore a 60.000 sia riferito ad ogni singolo servizio o se possa essere inteso come la somma di più servizi per singolo anno.
Cordiali saluti.
12/04/2024 10:24
Risposta
Il numero complessivo annuale di pasti non inferiore a 60.000, di cui al punto 6.3 del Disciplinare di gara, è da intendersi come la somma di più servizi per ogni singolo anno.
12/04/2024 12:27
Quesito #6
Spett. le Stazione Appaltante,
si chiede di chiarire se il servizio sia da garantire – dal lunedì al venerdì – per tutte le scuole rappresentate negli Atti di Gara. In alternativa, si chiede di indicare i giorni di servizio per ciascuna scuola.

Cordiali saluti
12/04/2024 12:34
Risposta
Il servizio deve essere garantito da lunedi al venerdi per tutte le scuole rappresentate negli Atti di Gara.
12/04/2024 15:42
Quesito #7
Buongiorno,
si chiede conferma che la documentazione economica citata all'art. 17 del disciplinare di gara "offerta economica" consti del solo modello che l'operatore economico deve predisporre autonomamente, non essendo presente tra la documentazione di gara messa a disposizione dalla Stazione appaltante un template ad hoc, contenente le voci di cui al sopra citato articolo.
In caso contrario, si chiede di specificare la tipologia di documentazione richiesta.

In attesa di un Vs cortese riscontro, si porgono cordiali saluti
15/04/2024 14:33
Risposta
L'offerta economica da inserire nella busta economica è una richiesta impostata di default dal sistema. Per dubbi di tipo tecnico legati alla compilazione o al caricamento si invita a consultare le "Norme tecniche di utilizzo" allegate alla procedura di gara o a contattare l'help desk della piattaforma.
15/04/2024 16:02
Quesito #8
Buongiorno,
in riferimento alla precedente chiarimento, non essendo stato fornito un modulo apposito per l'offerta economica, si chiede conferma che l'allegato relativo l'offerta economica da caricare nell'apposita busta, spossa essere prodotto dall'operatore economico.

Cordiali saluti
15/04/2024 16:35
Risposta
Si conferma che l'allegato relativo all'offerta economica da caricare nell'apposita busta può essere prodotto dall'operatore economico.
15/04/2024 18:11
Quesito #9
Buongiorno,
si richiedono i seguenti chiarimenti:

1. Durante il sopralluogo è emerso che i pasti per il servizio del III turno della scuola Folis, visto il numero ridotto di studenti, sono preparati in legame refrigerato (così come già previsto per le diete). Si chiede di confermare che tale soluzione possa essere adottata anche in fase di esecuzione del presente contratto fermo restando la cottura dei primi in loco.

2. Si chiede di confermare che “la manutenzione dei filtri per la depurazione dell’acqua di rete ai fini della potabilità dell’acqua compresa la sostituzione delle cartucce” è in carico al Comune.
16/04/2024 09:11
Risposta
1. Ai sensi dell'art. 25 del Capitolato speciale d'appalto "l’I. A. deve trasportare i pasti preparati nei centri cottura presso i punti di distribuzione con il legame fresco-caldo in multirazione, e in legame refrigerato nel caso delle diete speciali, diete in bianco, menù alternativi e, qualora su richiesta dell’A. C., pasti monoporzione confezionati, utilizzando contenitori termici idonei e mezzi di trasporto conformi alla legislazione vigente".

2. Ai sensi dell'art. 33 del Capitolato speciale d'appalto "la manutenzione dei filtri per le depurazione dell’acqua di rete ai fini della potabilità (compresa la sostituzione delle cartucce)" è un'operazione di manutenzione a carico dell’Impresa appaltante.
16/04/2024 11:55
Quesito #10
Buongiorno,
si richiede l'elenco delle eventuali attrezzature di proprietà dell'attuale gestore che dovranno essere fornite dall'aggiudicatario in caso di subentro in appalto.
Distinti saluti.
17/04/2024 09:49
Risposta
Tutte le attrezzature attualmente presenti nei refettori e nelle cucine dei plessi scolastici oggetto di appalto sono di proprietà comunale e quindi rimarranno a disposizione dell'aggiudicatario della gara in corso. Sono fatti salvi i contenuti del Capitolato speciale d'appalto ed in particolare gli artt. 31 e 32.
17/04/2024 09:21
Quesito #11
Siamo a chiedere conferma che per la gara in oggetto, tra le riduzioni dell'importo della garanzia provvisoria di cui al comma 8 dell'art. 106 del Codice Lgs. n. 36/2023, si possa aggiungere alle riduzioni citate all'art. 10 del Disciplinare anche la seguente riduzione prevista dallo stesso comma 8: "L’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 10 per cento, cumulabile con la riduzione di cui al primo e secondo periodo, quando l’operatore economico presenti una fideiussione, emessa e firmata digitalmente, che sia gestita mediante ricorso a piattaforme operanti con tecnologie basate su registri distribuiti ai sensi del comma 3" (dello stesso articolo 106).
In attesa di un vostro cortese riscontro, si porgono cordiali saluti.
17/04/2024 12:14
Risposta
Ai sensi dell'art. 10 - primo periodo - del Disciplinare di gara, per il calcolo della garanzia provvisoria "si applicano le riduzioni di cui all’articolo 106, comma 8 del Codice", con ciò comprendendo anche la riduzione riportata nel quesito.
17/04/2024 14:43
Quesito #12
Buonasera,
si richiede a chi debba essere intestata la polizza provvisoria.
Distinti saluti.
17/04/2024 17:10
Risposta
La polizza fideiussoria provvisoria deve essere intestata all'operatore economico partecipante alle gara.
In caso di partecipazione non in forma singola, la fideiussione deve essere intestata a tutti gli operatori economici del costituito/costituendo raggruppamento temporaneo o
consorzio ordinario o GEIE, ovvero a tutte le imprese retiste che partecipano alla gara ovvero, in caso di consorzi di cui all’articolo 65, comma 2 lettere b), c), d) del Codice, al solo consorzio.
18/04/2024 16:02
Quesito #13
Buongiorno,

con la presente si chiede conferma che l’importo della cauzione provvisoria debba ricomprendere anche gli oneri della sicurezza come previsto dalla delibera ANAC n. 45 del 20.2.2007 e del parere 144 dell’8 maggio 2008.

E che pertanto il valore sul quale calcolare la cauzione sia € 1.107.540

Cordiali saluti
19/04/2024 09:29
Risposta
Si conferma che l'importo della cauzione provvisoria va calcolato sul valore complessivo dell'appalto, ovvero € 1.107.540,00.
19/04/2024 10:18
Quesito #14
Come da vs risposta FAQ del 27 marzo 2024 ore 15:32 e come riportato al punto 6.3.b) del Disciplinare di Gara, si richiede di meglio chiarire i seguenti aspetti:
L’Impresa partecipante alla presente procedura di gara, per partecipare, necessità di 1 centro cottura già oggi disponibile per il periodo 01.09.24 – 31.08.27?
La disponibilità degli ulteriori centri cottura che l’IA può utilizzare nell’esecuzione dell’appalto anche avvicendandoli tra loro, deve sempre essere garantita per ogni centro cottura per i 3 anni d’appalto? ad esempio, se una ditta ha la disponibilità del centro cottura A solo per l’anno scolastico 2024/2025, del centro cottura B solo per l’anno scolastico 2025/2026 e del centro cottura C solo per l’anno scolastico 2026/2027 tale esemplificazione rispecchia quanto indicato nei REQUISITI DI CAPACITA’ TECNICA E PROFESSIONALE e da FAQ citata? Può quindi partecipare alla presente procedura di gara?
In attesa di cortese riscontro, cordiali saluti.
19/04/2024 11:33
Risposta
L'impresa partecipante deve garantire che avrà nella propria disponibilità almeno un centro di cottura a partire dalla data di avvio dell'esecuzione del contratto. Ciò significa che il centro di cottura non deve essere già oggi disponibile, ma dovrà esserlo, appunto, nel momento in cui si avvierà l'esecuzione del contratto.
L'impresa dovrà disporre di un centro di cottura per tutta la durata dell'appalto salvo proroghe (01/09/2024-31/08/2027), ma tale centro di cottura potrà non essere sempre lo stesso per l'intero periodo. La ditta può avere la disponibilità del centro di cottura A solo per l'anno scolastico 2024/2025, del centro di cottura B solo per l'anno scolastico 2025/2026 e del centro di cottura C solo per l'anno scolastico 2026/2027. Si ribadisce quindi che:
1) non è necessario disporre dello stesso centro di cottura per tutti e tre gli anni scolastici
2) è sufficiente la disponibilità di un solo centro di cottura per ogni anno scolastico
3) il centro di cottura A può essere disponibile per un solo anno scolastico; l'anno successivo potrà quindi essere disponibile il centro di cottura B e non più il centro di cottura A; nel terzo anno scolastico potrà essere disponibile il centro di cottura C e potranno non essere più disponibili i centri A e B.
19/04/2024 11:07
Quesito #15
Siamo a chiedere conferma che per la gara in oggetto, tra le riduzioni dell'importo della garanzia provvisoria di cui al comma 8 dell'art. 106 del Codice Lgs. n. 36/2023, si possa aggiungere alle riduzioni citate all'art. 10 del Disciplinare anche la seguente riduzione prevista dallo stesso comma 8: "L’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 10 per cento, cumulabile con la riduzione di cui al primo e secondo periodo, quando l’operatore economico presenti una fideiussione, emessa e firmata digitalmente, che sia gestita mediante ricorso a piattaforme operanti con tecnologie basate su registri distribuiti ai sensi del comma 3" (dello stesso articolo 106).
In attesa di un vostro cortese riscontro, si porgono cordiali saluti
19/04/2024 13:06
Risposta
Come già risposto al quesito n. 11, ai sensi dell'art. 10 - primo periodo - del Disciplinare di gara, per il calcolo della garanzia provvisoria "si applicano le riduzioni di cui all’articolo 106, comma 8 del Codice", con ciò comprendendo anche la riduzione riportata nel presente quesito.
19/04/2024 11:03
Quesito #16
Buongiorno, si conferma che trattasi allora di refuso quanto riportato nel disciplinare di gara "L’offerta è corredata, a pena di esclusione, da una garanzia provvisoria pari al 2% del valore complessivo dell’appalto salvo proroghe e precisamente di importo pari ad € 22.113,00",? Il 2% del valore complessivo pari a € 1.107.540,00 corrisponde a 22.150,80 €.

Cordiali saluti
19/04/2024 13:12
Risposta
Si conferma che trattasi di un refuso: la cauzione provvisoria va calcolata nella misura del 2% del valore complessivo dell'appalto salvo proroghe. Essendo il valore complessivo dell'appalto salvo proroghe pari a € 1.107.540,00, il 2% ammonta a € 22.150,80.
19/04/2024 10:20
Quesito #17
In riferimento all’art. 51 “Responsabile del Servizio” del Capitolato viene richiesto che “La direzione del servizio deve essere affidata in modo continuativo e a tempo pieno a un responsabile con una qualifica professionale idonea a svolgere tale funzione e in possesso di esperienza nella posizione di responsabile di un servizio nel settore della ristorazione scolastica di dimensione o consistenza pari a quello oggetto del presente appalto e di adeguata formazione documentata”. Trattandosi di un servizio di ristorazione in veicolato da un centro cottura nelle disponibilità dell’impresa partecipante, è opportuno evidenziare come la risorsa professionale richiesta non sia unicamente dedicata all’appalto in parola ma possa ben inteso, anche essere impiegata per altri contratti gestiti sul centro cottura di produzione. La disponibilità del Responsabile pertanto sarebbe SI in modo continuativo sul centro cottura ma non esclusivamente dedicato a tempo pieno (40 ore) al contratto di Pino Torinese. Si prega di chiarire interpretazione data all’art. 51 del Capitolato.
19/04/2024 13:46
Risposta
La locuzione "a tempo pieno" deve essere interpretata alla luce del terzo periodo del medesimo art. 51 del Capitolato speciale d'appalto, ove è scritto che "Il direttore tecnico deve essere reperibile ogni giorno di funzionamento del servizio [...]". Non necessariamente, quindi, tale figura, deve essere dedicata esclusivamente al servizio per il Comune di Pino Torinese; può bensì essere impiegata per altri contratti.

Supporto alle Stazioni Appaltanti: +39 800 955 054
Supporto agli Operatori economici: +39 800 719 717
HELP DESK
assistenza@asmecomm.it - +39 800 719 717
Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00