Gara - ID 1479

Stato: Scaduta


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante CALVANICO
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoLavori
LAVORI DI DIFESA IDROGEOLOGICA DELL'ABITATO DI CAPO CALVANICO VALLONE DELL'ACQUA SANTA E VALLONE DELLA TENTA.
CIG8632372AB8
CUPE83H03000000003
Totale appalto€ 1.729.496,45
Data pubblicazione 17/03/2021 Termine richieste chiarimenti Venerdi - 02 Aprile 2021 - 12:00
Scadenza presentazione offerteGiovedi - 08 Aprile 2021 - 12:00
Categorie merceologiche
  • 45 - Lavori di costruzione
DescrizioneVEDI DOCUMENTI DI GARA
Struttura proponente COMUNE DI CALVANICO
Responsabile del servizio CITRO MICHELE Responsabile del procedimento CITRO MICHELE
Allegati
Richiesta DGUE XML
File zip atti-di-gara - 1.60 MB
File zip progetto - 218.88 MB
File rar allegati-formato-word - 388.97 kB
File pdf pareri-verbali-conferenza-servizi - 2.12 MB
File rar vallone-acqua-santa-e-tenta - 40.07 kB

Avvisi di gara

20/04/2021PRIMA SEDUTA PUBBLICA DEL 23/04/2021 ORE 9:30 - LINK DI PARTECIPAZIONE
Partecipa alla mia riunione da computer, tablet o smartphone. https://global.gotomeeting.com/join/794502893Puoi accedere anche tramite telefono. Italia: +39 0 230 57 81 80Codice accesso: 794-502-893 È la prima volta che usi GoToMeeting? Scarica subito l'...

Chiarimenti

  1. 22/03/2021 11:50 - CONSIDERATO IL SOPRALLUOGO OBBLIGATORIO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA D’APPALTO, SI CHIEDE SE OCCORRE FARLO AUTONOMAMENTE O ASSISTITO.
    INOLTRE I MODELLI PRESENTI NEGLI ATTI DI GARA SONO IN FORMATO PDF, SE NE CHIEDE LA PUBBLICAZIONE IN WORD.
    DISTINTI SALUTI


    l sopralluogo è obbligatorio ed è autonomo . 
    I modelli atti di gara sono stati pubblicati nella sezione “ documentale “ – “ allegati “ 
    22/03/2021 13:42
  2. 22/03/2021 10:35 - Si chiede se la stazione appaltante rilascia attestato di sopralluogo.
    distinti saluti


    Non occorre attestato di sopraluoggo .
    22/03/2021 13:43
  3. 22/03/2021 16:49 - Il CIG 8632372AB8 risulta sul portale ANAC inestistente oppure non ancora definito.
     


    Il Cig è perfezionato . Può procedere
    23/03/2021 09:03
  4. 22/03/2021 14:42 - BUONGIORNO,
    LA PRESENTE PER CHIEDERE SE E’ POSSIBILE RICORRERE ALL’AVVALIMENTO DEL CERTIFICATO ISO 9001:2015 RICHIESTO DAL BANDO DI GARA.

    DISTINTI SALUTI


    Il requisito di capacità tecnica e professionale (cfr. art. 83, comma 1, lett. c), del d.lgs. n. 50/2016), e  qualificabile come avvalimento cd. “operativo” . Ai sensi dell’art. 89 del d.lgs. n. 50/2016 e s.m.i., un contratto di avvalimento avente ad oggetto la certificazione di qualità – ammissibile e riconducibile alle ipotesi di cd. “avvalimento operativo” – deve fornire una espressa e specifica elencazione di tutti i mezzi e le risorse aziendali messe a disposizione dell’ausiliaria, per consentire alla stazione appaltante una previa verifica sulla specificità e determinatezza del contratto stesso e quindi sulla completa ed effettiva soddisfazione del requisito mancante al concorrente.
    Parimenti rilievo sostanziale ha la dichiarazione di obbligo dell’ausiliaria verso l’ausiliata e la stazione appaltante, prescritta in via autonoma per legge e non surrogabile con le dichiarazioni contenute nel contratto di avvalimento.
    Riguardo i requisiti di capacità tecnica e professionale, (…) l’indicazione dei mezzi aziendali messi a disposizione per l’esecuzione dell’appalto è necessaria a pena di esclusione del concorrente dalla gara: ciò argomentando dal carattere generale del principio espresso dall’art. 88 del regolamento di esecuzione del previgente codice dei contratti pubblici, riferimento normativo ora da individuarsi nell’ultimo inciso dell’art. 89, comma 1, del d.lgs. n. 50 del 2016 (…). Indi, i mezzi, il personale, il know-how, la prassi e tutti gli altri elementi aziendali qualificanti in relazione all’oggetto dell’appalto e ai requisiti per esso richiesti dalla stazione appaltante sono indispensabili per rendere determinato l’impegno dell’ausiliario tanto nei confronti di quest’ultima che del concorrente aggiudicatario (tra le tante, Cons. Stato, III, 3 maggio 2017, n. 2022; V, 4 novembre 2016, n. 4630; nello stesso senso (…) Cons. Stato, V, 16 maggio 2017, n. 2316; 12 maggio 2017, n. 2226; 23 febbraio 2017, n. 852; 6 giugno 2016, n. 2384; 27 gennaio 2016 n. 264). (…) donde la nullità (strutturale) del contratto medesimo in base alla comminatoria dell’art. 1418, comma 2, c.c., laddove risulti impossibile individuare un’obbligazione assunta dall’ausiliario su un oggetto puntuale e che sia coercibile per l’aggiudicatario, oltre che per la stazione appaltante, in virtù della responsabilità solidale prevista dall’art. 49, comma 4, d.lgs. n. 163 del 2006 (da ultimo, Cons. Stato, n. 4396 del 2018, cit.)”.
    Il Consiglio di Stato ha chiarito alcuni essenziali profili che ineriscono alla ammissibilità e validità, ai sensi dell’art. 89 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i. (recante il Codice dei contratti pubblici), di un avvalimento che abbia ad oggetto la certificazione di qualità (UNI EN ISO 9001:2008), ovverosia un requisito di capacità tecnica e professionale (cfr. art. 83, comma 1, lett. c), del d.lgs. n. 50/2016), e perciò qualificabile come avvalimento cd. “operativo” – a differenza di quello concernente requisiti di capacità economica e finanziaria (cfr. art. 83, comma 1, lett. b), del d.lgs. n. 50/2016), da riferirsi invece alle ipotesi di avvalimento cd. “di garanzia”.
    23/03/2021 09:10
  5. 23/03/2021 17:53 - Il CIG sul portale ANAC ancora non risulta perfezionato.

    IL CIG RISULTA PERFEZIONATO 
    29/03/2021 13:02
  6. 23/03/2021 15:01 - LA SOTTOSCRITTA FA PRESENTE CHE IL CIG RISULTA A TUTT’OGGI ANCORA NON DEFINITO DALLA STAZIONE APPALTANTE, INOLTRE PORTA A CONOSCENZA CHE LO STESSO E’ STATO SEGNALATO ANCHE ALL’ANAC
    ALLEGA SCREEN DEL PORTALE DI OGGI 23/03/2021.


    IL CIG RISLTA PERFEZIONATO , RIPROVATE .
    29/03/2021 13:07
  7. 29/03/2021 11:51 - Buongiorno,
    abbiamo riscontrato che il bando non espone i costi della sicurezza intrinseci dei lavori, mentre sono riportati quelli della mano d'opera per €.598.411,64 e quelli della sicurezza speciale per €.8.700,00. Crediamo che vadano individuati i costi della sicurezza inerenti le lavorazioni previste dal progetto base-gara e riportati nel bando, in quanto come quelli della mano d'opera, anche essi, sommati agli oneri speciali per €. 8.700,00, non sono soggetti a ribasso.
    In attesa di cortese riscontro
    Distinti saluti


    Sentito il progettista “ I costi della sicurezza si dividono in:
    a) oneri aziendali della sicurezza (o intrinseci o costi propri)
    b) costi della sicurezza (derivanti dai rischi specifici individuati nel PSC)
    Come indicato al paragrafo 11.c (pag. 14 e 15) del Prezzario Regione Campania 2020 approvato con DGR n.186 del 21.04.2020, solo i costi della sicurezza rappresentano l'importo da non assoggettare a ribasso ai sensi dell'art. 23  comma 16 DL 50/2016.  
    Pertanto si conferma che gli unici importi soggetti a ribasso d'asta sono quelli derivanti dal computo metrico specifico derivante dal PSC e pari ad € 8.700, come correttamente indicato nel Disciplinare di Gara. “
     
    30/03/2021 07:52
  8. 30/03/2021 19:33 - Buonasera, per i lavori di cui all’ oggetto, avendo OG8 III-BIS, aumentata del 20%, potrei partecipare come concorrente singolo?

    Vedasi punto 2.2.1 del disciplinare.
    07/04/2021 12:40
  9. 30/03/2021 18:50 - Con la presente, in considerazione che:
    • L’art. 95 comma 14bis del D.Lgs 50/2016 recita: “In caso di appalti aggiudicati con il criterio di cui al comma 3, le stazioni appaltanti non possono attribuire alcun punteggio per l'offerta di opere aggiuntive rispetto a quanto previsto nel progetto esecutivo a base d'asta”;
    • La Linea Guida ANAC n. 2, di attuazione del D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, recanti “Offerta economicamente più vantaggiosa”, approvata con Delibera n. 1005 del 21 settembre 2016 ed aggiornate al d.lgs. 19 aprile 2017, n. 56, con Delibera del Consiglio n. 424 del 2 maggio 2018, fornisce ulteriori chiarimenti in merito:  “Ai sensi del comma 14-bis, in caso di appalti aggiudicati con il criterio di cui al comma 3, le stazioni appaltanti non possono attribuire alcun punteggio per l’offerta di opere aggiuntive rispetto a quanto previsto nel progetto esecutivo a base d’asta. La norma impedisce alla stazione appaltante di stimolare un confronto competitivo su varianti di tipo meramente quantitativo nel senso dell’offerta di opere aggiuntive, che potrebbero rivelarsi lesive del principio di economicità di esecuzione ovvero di qualità della prestazione principale. Il legislatore ha imposto di non tenere conto di elementi meramente quantitativi nell’ambito di offerte che debbono prestare attenzione alla qualità, visto che la quantità sconta le valutazioni dell’offerente (sulla base di quanto è stato già definito dalla stazione appaltante nel progetto e nel capitolato tecnico) nella parte riservata al prezzo”;
    • Nella tabella relativa alla parte “qualitativa” dell’offerta tecnica di cui al Bando di Gara, nella quale codesta Stazione Appaltante declina i criteri di valutazione, con annessi relativi punteggi relativamente al punto B – “Proposte migliorative in relazione al contesto ambientale anche mediante attività di rinaturalizzazione” in relazione alla salvaguardia del contesto ambientale ove è allocato l’intervento in questione ed al punto C – “Proposte integrative mediante opere accessorie e complementari, che nell’ambito delle specifiche finalità del progetto, conferiscano all’intervento maggiore efficacia complessiva” in relazione alle opere di completamento e di finimento;
    • Il Bando di gara al punto II.1.9) indica che “Ammissibilità di varianti: nei limiti dei criteri di valutazione: NO”;
    • Il progetto esecutivo a base d’asta non prevede interventi specifici relativi alla “rinaturalizzazione” e ad eventuali opere di “completamento ed accessorie”;
    chiede, di chiarire ed eventualmente rettificare, la determinazione dei punteggi attribuiti all’offerta tecnica, relativamente ai criteri B e C, in quanto viene attribuito un punteggio non correlato a migliorie del progetto esecutivo, bensì a vere e proprie opere aggiuntive rispetto al progetto posto a base di gara, comportando in tal modo effetti ingiustificatamente restrittivi della partecipazione e della concorrenza e soprattutto non rispettosa delle prescrizioni di legge dell’art. 95 comma 14 bis del D.Lgs. 50/2016 e alle Linee Guida n. 2, aggiornate al d.lgs 56/2017, stimolando di fatto un “confronto quantitativo e non qualitativo”, a scapito del principio di qualità della prestazione che regola in criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
    Inoltre, si richiede di essere messo a conoscenza di eventuali vincoli paesaggistici e naturalistici e/o pareri esistenti (sommariamente indicati nella relazione) rispetto al progetto a base di gara.
    In attesa di un Vs. gradito riscontro, distinti saluti
     


    Il progetto esecutivo a base d’asta già prevede interventi specifici relativi alla rinaturalizzazionee alle opere di completamento e accessoriee alle opere di completamento e accessorie ( ad es. voce 6, 7 ,10 , 33 del  computo metrico ).. Pertanto si confermano i criteri B) e C)  Capo 4 del disciplinare di gara .
    Nella sezione “ allegati “ pubblichiamo il verbale dell Conferenza di Servizi .
     
    07/04/2021 13:06
  10. 30/03/2021 18:40 - Spett.Le RUP,
    con la presente si chiede :
    è consentita la presentazione di varianti migliorative al progetto esecutivo posto a base di gara, ai sensi del art.95 comma 14 lettera a, del codice degli appalti Dgls 50/2016?
    La ringrazio per la certa risposta
    Distinti Saluti


    Vedas punto  II.1.9) del Bando .
    07/04/2021 13:10
  11. 30/03/2021 17:29 - Gentile RUP,
    ho capito bene che che per numero di fogli in formato A4 si intende 2 facciate A4, quindi nel caso di sei foglio in formato A4 sono da intendersi numero 12 facciate dattilostritto?
    Inoltre ho capito bene che possibile ottemperare al pagamento dell’imposta di bollo mediante marca da bollo di € 16,00 debitamente annullata applicata direttamente sulla domanda di partecipazione? 
    La ringrazio
    Distinti Saluti


    Il Disciplinare prevede 6 (sei) fogli in formato A4  (e quindi non 12) e massimo 5(cinque) tavole grafiche in formato A1,
    La marca da bolòlo da € 16,00 deve assolta mediante pagamento con F23 allegato agli atti di gara.
    07/04/2021 13:15
  12. 30/03/2021 12:37 - facciamo presente che negli allegati manca il relativo cronoprogramma.
    se ne chiede la pubblicazione 
    grazie


    Il cronoprogramma è contenuto nella tavola E1 facente parte del progetto pubblicato 
    07/04/2021 13:20
  13. 31/03/2021 09:33 - Si chiede gentilmente computo metrico formato editabile.
    Si chiede la cortesia di pubblicarlo quanto prima vista l’avvicinarsi della scadenza.
    Nel ringraziare si porgono cordiali saluti.


    Pubblichiamo nellasezione allegati il computo metrico editabile .
    07/04/2021 17:03

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@asmecomm.it - 800 955054

Attivo dal lunedì al venerdì dalle 09 alle 14 e dalle 14:30 alle 17:30

ASMECOMM

Via Carlo Cattaneo,9 Gallarate (VA)
Tel. 800 955054 - Email: assistenza@asmecomm.it - PEC: piattaforma@asmepec.it