Gara - ID 5346

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

Stazione appaltante ISCHIA
ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoLavori
Procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs. 50/2016 con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 36 comma 9-bis del D.Lgs. 50/2016 per l’affidamento dei “Lavori di messa in sicurezza, potenziamento delle infrastrutture e attrezzature portuali, integrazione con le aree retro portuali e riqualificazione del porto di Ischia nel Comune di Ischia – I° Lotto”
CIG8978366DFF
CUPI37B18000030002
Totale appalto€ 4.339.887,38
Data pubblicazione 22/11/2021 Termine richieste chiarimenti Lunedi - 13 Dicembre 2021 - 18:00
Scadenza presentazione offerteGiovedi - 23 Dicembre 2021 - 09:00 Apertura delle offerteGiovedi - 23 Dicembre 2021 - 10:00
Categorie merceologiche
  • 452435 - Lavori di costruzione di difese marittime
DescrizioneBreve descrizione dell’intervento: L’intervento è finalizzato, come macro-obiettivo al miglioramento dell’infrastruttura portuale mediante adeguamento e potenziamento della stessa, nonché, anche attraverso una visione strategica dell’intera area (portuale e retro-portuale) a favorirne uno sviluppo sostenibile.
Il progetto ha come obiettivi puntuali la risoluzione di alcune criticità sia dal punto di vista morfologico che infrastrutturale e organizzativo delle aree attigue, con particolare riferimento alla banchina orientale. Nel dettaglio, si possono individuare quattro macroaree oggetto di intervento con una specifica tipologia e finalità di opere a farsi, in funzione delle criticità rilevate:
  1. Riva Destra; 2) Area antistante il Cantiere Nautico “Argita”; 3) Accessibilità alla Riva Destra; 4) Banchina Olimpica; 5) Riva Sinistra;
INTERVENTI
Riva Destra
Per affrontare la problematica principale che investe la Riva Destra, è il verificarsi dei fenomeni di alta marea con sempre maggiore frequenza nelle stagioni invernali. Quest’area del Porto è particolarmente vulnerabile in quanto è depressa all’incirca di 50 cm rispetto al resto arco portuale. Nel dettaglio l’intervento prevede una serie coordinate di opere di seguito descritte:
  • realizzazione un argine in pietra naturale, rialzato mediamente tra i 40 e i 50 cm rispetto a piano stradale, che protegga i locali al piano terra e garantisca ai ristoratori e ai residenti di raggiungere le attività e le abitazioni senza disagi; per non stravolgere le caratteristiche materiche e morfologiche del sito, di ipotizza di realizzare l’argine utilizzando i cordoni di bordo banchina in pietra lavica, di sezione pari a 60 x 30 cm; il completamento del rivestimento dell’argine sarà realizzato con lastre di pietra lavica. L’accessibilità ai diversamente abili, ai pontili mobili sarà garantita da passerelle mobili amovibili in dotazione all’Ente gestore dei pontili stessi, che all’occorrenza provvederanno a collocarla.
  • realizzazione di una paratia di micropali accostati a formazione di un diaframma continuo, a protezione della risalita capillare e fare fronte ai cedimenti del bordo della banchina. I pali saranno di tipo trivellati, di diametro pari a 25 cm, armati con anima in tubolari in acciaio senza camicia. In sommità sarà realizzata la trave di coronamento e solidarizzazione di sezione 55x50 cm;
  • realizzazione di un tunnel tecnologico che possa ospitare parte dei sottoservizi esistenti ed integrarne di nuovi, come i cavi elettrici di media tensione, cavidotti per la fibra, cavidotti per l’alimentazione della pubblica illuminazione, condotte idriche in pressione;
  • regimentazione delle acque meteoriche che insistono sulla Riva Destra mediante un sistema a doppia configurazione a secondo della presenza o meno dell’alta marea:
- in caso di bassa marea lo smaltimento delle acque avviene superficialmente, con un sistema di pendenze dirette verso il mare; alla base dell’argine a farsi, è prevista una zanella concava che indirizza le acque verso apposite bocche di deflusso create nella barriera a bordo banchina, dotate di valvole antireflusso con apertura basculante;
- in caso di alta marea, le valvole antireflusso si chiudono impedendo l’entrata del mare; le acque ruscellanti sul selciato saranno convogliate, sempre mediante le zanelle concave, nelle caditoie poste a intervalli regolari, e allontanate sottotraccia per gravità, verso una vasca di raccolta a farsi da posizionare nello slargo in prossimità dell’Hotel Aragona, dotato di impianto di sollevamento e la condotta premente che si andrà ad immettere del canale preesistente di smaltimento delle acque;
  • ammodernamento del sistema di smaltimento delle acque nere provenienti dalle abitazioni e attività di ristorazione e modifica del sistema di allontanamento verso gli impianti di depurazione;
  • rifacimento della pavimentazione con le vecchie basole, catalogate in fase di rimozione e custodite a cura dell’appaltatore, rilavorate laddove necessario sul fondo e negli assetti, posate in opera su letto di sabbia e sottostante soletta in conglomerato cementizio armato;
  • realizzazione di nuovi plinti e pozzetti al piede per l’alloggiamento dei corpi illuminanti (esclusi dalla presente progettazione);
  • sostituzione delle bitte preesistenti dimensionate per navi di grossa stazza (traghetti e aliscafi) con bitte in ghisa di minori dimensioni, idonee all’ormeggio di natanti da diporto; saranno lasciate le bitte preesistenti solo nella zona di ormeggio corrispondente alla banchina retrostante il fabbricato sede del Comune di Ischia e delle Antiche Terme Comunali;
  • ampliamento della sede stradale sul margine nord di via Porto, nella zona di attacco con la passerella pedonale stagionale a struttura metallica, mediante una struttura a sbalzo ancorata a micropali trivellati e rifacimento della scala di accesso alla banchina sottostante.
Area antistante il Cantiere Nautico “Argita”
L’intervento prevede una riqualificazione dell’area che attualmente risulta marginale rispetto alla Riva Destra propriamente detta, corrispondente alla passeggiata che si svolge lungo i locali ubicati ai piani terra degli edifici che compongono la cortina edilizia continua di via Porto.
L’intervento consiste nelle seguenti opere:
  • creazione di una piccola tribuna con tre gradonate per accogliere attività e manifestazioni pubbliche, con sfondo l’area portuale e retroportuale, coperta con una tensostruttura per garantire l’ombreggiamento; il rifacimento della pavimentazione con lastre di pietra lavica in sostituzione delle attuali lastre di porfido; l’intervento prevede la salvaguardia dei pini e dell’aiuola preesistenti a ridosso del muro di delimitazione e recinzione del Cantiere Argita.
  • la realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica da destinare a sede dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”, sul margine ovest della tribuna. Il fabbricato sarà realizzato in strutture intelaiate e rivestito in lastre di pietra lavica bocciardata;
Accessibilità alla Riva Destra
Nell’ambito del potenziamento delle condizioni di accessibilità alla Riva Destra, è prevista la realizzazione di un camminamento di collegamento con via F. Buonocore, attraverso la spiaggia di San Pietro. Esso sarà realizzato con due tipologie differenti, per la parte che insiste sulla scogliera e quella sulla spiaggia. Per la parte a farsi sulla scogliera è prevista:
  • la realizzazione di plinti in c.a. all’interno di pozzetti in calcestruzzo vibrocompresso, rivestiti con scheggioni di pietra lavica, su cui saranno ancorati degli elementi preassemblati a T (elemento verticale a sezione circolare e orizzontale a doppio C) e su cui sarà montata la struttura metallica a sostegno dell’impalcato, secondo una maglia modulare di 5.40 x 1.80 m, sovrastante tavolato in legno essenza teak di spessore 4 cm, delimitato da ringhiera. In alcuni punti, è prevista la realizzazione di piazzole di sosta dotate di panchine.
Per la parte a farsi sulla spiaggia:
  • la realizzazione di una struttura composta da travi in legno lamellare su pali a vite nel suolo sabbioso, con tavolato in legno essenza teak di spessore 4 cm, senza ringhiere o corrimano.
La struttura sarà attrezzata con panchine, cestini per i rifiuti e corpi illuminanti dotati di pannellini fotovoltaici.
Il camminamento descritto avrà carattere di stagionalità, in quanto sarà fruibile solo nella stagione primaverile ed estiva. Le strutture, totalmente reversibili, saranno rimosse nella stagione autunnale per evitare probabili danneggiamenti dovuti alle mareggiate.
Banchina Olimpica
Gli interventi previsti per la Banchina Olimpica, pur marginali rispetto alla globalità del progetto, sono indifferibili per risolvere le criticità evidenziate nel paragrafo 3.4). Nel dettaglio gli interventi prevedono:
  • la realizzazione di due pensiline, mediante tensostrutture, per il riparo dei passeggeri in attesa dell’imbarco, della stessa tipologia di quella prevista per la copertura dell’anfiteatro nei pressi del cantiere Argita;
  • la sostituzione della pavimentazione in basoli all’interno del percorso pedonale protetto esistente, con lastre di pietra lavica bocciardata per garantire una superficie meno sconnessa e più regolare;
  • la sistemazione della ringhiera e relativa scartavetratura e tinteggiatura della ringhiera metallica di delimitazione dell’immobile in uso della Capitaneria di Porto.
Struttura proponente Comune di Ischia - Ufficio LL.PP.
Responsabile del servizio arch. Consiglia Baldino Responsabile del procedimento GRASSO GAETANO
Allegati
Richiesta DGUE XML
File p7m bando-di-gara.pdf - 108.69 kB
File zip allegati - 160.52 kB
File zip elaborati-progetto-esecutivo - 776.13 MB
File p7m disciplinare-di-gara.pdf - 363.21 kB

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@asmecomm.it - 800 955054

Attivo dal lunedì al venerdì dalle 09 alle 14 e dalle 14:30 alle 17:30

ASMECOMM

Via Carlo Cattaneo,9 Gallarate (VA)
Tel. 800 955054 - Email: assistenza@asmecomm.it - PEC: piattaforma@asmepec.it